Come integrare Facebook e Mailchimp per una campagna di lead generation

Integrare-Facebook-e1550867662998

Come integrare Facebook e Mailchimp per una campagna di lead generation

Partiamo da un concetto fondamentale: ottenere un indirizzo e-mail vale più di mille like. Se vi state chiedendo perché, avete un disperato bisogno di leggere questo articolo.

Pensateci bene, quando mettete like ad una pagina tendete poi a dimenticare quel brand per sempre: l’algoritmo di Facebook non aiuta le aziende ad essere presenti sui feed degli utenti (almeno organicamente) e si tratta di un canale non fortemente personalizzato.

Ottenere l’indirizzo mail di un utente, al contrario, può aprire un mondo di possibilità: innanzitutto possiamo inviare delle comunicazione altamente personalizzate già a partire dall’oggetto, fino ad arrivare al contenuto, grazie ad una corretta segmentazione delle liste; inviando dei contenuti interessanti verremo sicuramente presi in considerazione e quindi i nostri messaggi saranno letti; possiamo riutilizzare queste email all’interno di Facebook stesso per creare una audience personalizzata e diverse lookalike audience.

Catturare lead con Facebook e nutrirli con Mailchimp: da dove iniziare?

Tra i tanti obiettivi presenti all’interno del pannello per la creazione delle campagne Facebook è possibile selezionare la lead generation.

La generazione di contatti tramite Facebook ci permette di ottenere informazioni da parte degli utenti, a seconda dei campi che scegliamo di inserire all’interno del form. Questa tipologia di inserzione ha una elevata usabilità anche per l’utente che, dal canto suo, trova già un form precompilato con i dati inseriti su Facebook (nome, cognome, numero di telefono, email); tutto quello che resta da fare è cliccare su Invia!

Ma cosa succede dopo che l’utente ha cliccato? Molte aziende pensano di poter gestire ancora manualmente i contatti generati, scaricandoli da Facebook, magari una volta al giorno, e ricontattandoli quando c’è tempo. Quello che forse ancora non sapete è che esiste un modo per far arrivare al cliente una mail automatica, subito dopo aver cliccato sull’Invia del form. Questo avviene grazie ad un tool come Mailchimp che tra le tante funzionalità prevede anche l’integrazione con Facebook.

Con Mailchimp possiamo realizzare una campagna che giri poi su Facebook: quando creiamo una nuova campagna all’interno del tool di email marketing, invece di selezionare email abbiamo la possibilità di selezionare la voce “ad”. Questo ci permette di far partire delle sponsorizzazioni su Facebook, Instagram ed anche Google.

Una volta scelto il posizionamento (nel nostro caso Facebook) scegliamo la pagina e poi passiamo alla audience: grazie alla piattaforma possiamo fare una campagna direttamente sui contatti che abbiamo inserito in una lista. Si tratta di persone di cui possediamo uno storico, che abbiamo classificato in base ad azioni ben precise e che sono quindi già pronte alla conversione. Budget, contenuto e la campagna è pronta a partire!

Creare una campagna Facebook con Mailchimp

E se invece volessi creare una campagna per ottenere nuovi contatti?

In caso volessimo realizzare una campagna per ottenere nuovi indirizzi email ed innescare un meccanismo di automazione, abbiamo la necessità di chiedere un aiuto esterno: Zapier. Questo strumento permette l’integrazione di diversi tool, in modo da farli comunicare armonicamente. Nello specifico, creare uno “zap” tra Facebook e Mailchimp consente di poter inviare automaticamente una mail di benvenuto alle persone che si iscrivono alla lista email tramite il form del social.

Collegare Facebook e Mailchimp

Dunque, grazie a questo strumento, ci basterà creare una nuova lista in Mailchimp in cui far convergere tutti i nuovi contatti. Una volta creata la campagna con obiettivo lead generation all’interno di Facebook, al momento della creazione del lead form basterà selezionare Mailchimp come CRM di destinazione con la relativa lista (spesso per comodità si potrebbe chiamare proprio Facebook Leads).

A questo punto torniamo su Mailchimp e impostiamo su quella lista una Welcome Email, in modo da rendere accattivante il primo contenuto che i nostri utenti riceveranno e iniziare a fidelizzarli. Molto spesso questo contenuto viene utilizzato per dare dei codici sconto: gli utenti lasciano la propria email all’interno del form e successivamente ricevono una mail con il coupon. Il tempo di ricezione viene impostato all’interno di Mailchimp stesso prima di avviare il trigger.

Ma non solo campagne di lead generation! Grazie a Zapier possiamo impostare anche degli zap che permettono a Mailchimp di interagire direttamente con la nostra pagina Facebook, ecco un esempio:

Collegare Mailchimp a pagina Facebook

Grazie alla creazione di questa semplice automazione possiamo far sì che ogni volta che un utente lascia una recensione sulla nostra pagina aziendale, riceva in cambio una campagna email. Vi state chiedendo come sia possibile? Zapier estrapola le informazioni dagli account Facebook, a cui è associata una mail, e a quella email viene inviata la vostra campagna che potrete creare all’interno del tool di email marketing.

Questi sono solo due esempi di quello che è possibile creare facendo interagire gli strumenti di Facebook e Mailchimp nella giusta maniera, ma le possibilità sono davvero infinite. Siete ancora convinti che l’email marketing sia morto?